11 agosto 2009

Juan Gerardi. Il vescovo che ruppe il silenzio

“Finché non si conoscerà la verità, le ferite del passato resteranno aperte e non si cicatrizzeranno. È necessario restituire la memoria, considerando il ruolo della memoria uno strumento di ricostruzione sociale”.Juan Gerardi, vescovo della Diocesi del Quiché, in Guatemala, venne assassinato il 26 aprile 1998, due giorni dopo aver presentato il rapporto Guatemala, mai più, che indica esercito e governo del Paese come responsabili di genocidio e “crimini contro l'umanità” durante gli anni bui della guerra civile (1960-1996). Pagò con la vita l’impegno a favore dei popoli indigeni del Guatemala.
Margarita Carrera, poetessa, saggista, narratrice e giornalista guatemalteca, nel 1996 ha vinto il Premio nazionale di letteratura dedicato a Miguel Ángel Asturías.
Nel 2004, ha ricevuto la Orden Monseñor Gerardi per questo libro e per il suo percorso giornalistico a favore dei diritti umani.
184 pagine
Prezzo: 12.00
ALTRAECONOMIA

Nessun commento: