5 dicembre 2012

Con un poco di zucchero…il nuovo libro di ains onlus grazie alle donne del "cappellino color porpora"

Perché un nuovo libro di cucina?

Noi pensiamo che sia bello diffondere ricette che fanno parte del nostro quotidiano, di diverse provenienze, tutte comunque ampiamente “collaudate”.
Ad alcune siamo particolarmente legate in quanto derivanti dalle nostre tradizioni familiari.
C’è sempre un senso di dolce nostalgia quando si riprendono in mano le ricette delle mamme o delle nonne, perché è inevitabile che tornino alla mente i momenti trascorsi con loro in cucina, quando questa diventava il luogo delle confidenze, delle cose dette e non dette, degli sguardi complici; dove si imparava a coccolare, a tavola, i nostri cari.
Le ricette che troverete in questo libro sono accompagnate da alcuni consigli pratici che vi guideranno sia nella preparazione che nella presentazione.
In particolare, per quanto riguarda la presentazione, sarete sicuramente aiutate dalle splendide foto, opera di Andrea che, gratuitamente, ci ha messo a disposizione la sua professionalità e il suo tempo.
Avrete così fra le mani uno strumento non solo agile, ma anche molto “amichevole”.
Il nostro augurio, dopo aver fatto vostro questo libro, è che possiate entrare in cucina non solo per adempiere ad un dovere quotidiano, ma anche per divertirvi e giocare come facevate da bambine, dando libero sfogo alla vostra fantasia, creando “l’angolo bello”, dove ogni giorno comporre una poesia costituita non da parole, ma da bei piatti colorati e, perché no, da un dolce squisito.
Non dimentichiamo che una buona cena facilmente apre le porte a parole, sorrisi, scambio di idee che possono portare alla risoluzione di tanti problemi.
Noi speriamo che questo sia il primo volume di una collana di libri di cucina.
Vi chiederete: perché partire dai dolci?
Perché il dolce rappresenta la conclusione della cena e, se è fatto in casa e bene, vi darà subito lo scettro di ottima cuoca…….o cuoco!

I proventi derivanti dalla vendita ad offerta di questo volume, serviranno per sostenere il progetto "Hogar Mazatenango" in Guatemala che la nostra associazione sostiene da 4 anni.

L'Hogar di Mazatenango ospita bambine e ragazze provenienti da situazioni di grave disagio familiare, sociale o, peggio, perchè vittime di abusi e violenze di diversa natura e gravità. L'età delle ospiti, che attualmene sono 32, è compresa tra i 10 mesi e i 18 anni. questo centro è gestito e diretto dalle Misioneras de la caridad de Maria Imaculada congregazione di suore locali con le quali collaboriamo da diversi anni e di cui conosciamo la serietà e l'affidabilità. il nstro obiettivo è di raccogliere fondi per sopperire ai costi di vitto, alloggio, assistenza psicologica e frequenza scolastica delle bambine.

Nessun commento: