11 maggio 2020

Cosa facciamo in Guatemala per contrastare l’epidemia? A chi ce lo chiede rispondiamo che stiamo costruendo salute con la comunità. Intanto non abbiamo interrotto i finanziamento e continuiamo a fare quello che abbiamo sempre fatto: credere nelle piccole progettualità fatte insieme alla comunità, alle persone che vivono nella baraccopoli di Santa gertrudis, con i bambini, le donne, gli anziani, con le istituzioni locali tessendo rapporti. Continuiamo perché dopo 20 anni è un dovere e una responsabilità ma anche perché la gente che aiutiamo risponde, ha voglia di fare per riscattarsi e si impegna. In questo momento il Comedor Infantil è chiuso, speriamo apra presto, ma le attività sono continuate anche se a ritmo ridotto. Nessuno viene nella struttura, sono gli operatori che ci lavorano, tutte donne tranne Ronald, che vanno a domicilio per portare avanti le varie attività, proteggendosi con guanti e mascherine, stando attenti a non infettarsi, portando istruzione con la maestra e cibo agli anziani. 
Si va avanti perché crediamo nella cooperazione e nella visione e condivisione.

Nessun commento: