1 ottobre 2009

IL GOLPE IN HONDURAS E L’IPOCRISIA USA

Ramon Mantovani

Il ritorno del Presidente Manuel Zelaya in Honduras e l'ospitalità concessa dall'Ambasciata del Brasile, con gli onori dovuti ad un Capo di Stato in carica, hanno forse definitivamente messo fine alle diverse manovre in atto per legittimare, di fatto, gli effetti del golpe militare di Micheletti. La presenza del Presidente legittimo sul suolo hondureño, a dispetto delle misure straordinarie messe in atto dai golpisti per impedirlo, mette tutti di fronte alle proprie responsabilità. Ora non è più possibile che qualcuno lavori senza smascherarsi per finte soluzioni, tipo nuove elezioni senza Zelaya o accordi di mediazione (come l'Accordo di San Josè prodotto dal governo del Costa Rica), che comunque legittimerebbero la defenestrazione di Zelaya per mano dei militari. Da una parte c'è un possente Fronte Nazionale di Resistenza (cresciuto nonostante le violente repressioni e il coprifuoco) e diversi governi latino americani, che si stringono intorno a Zelaya ed assediano politicamente i militari che assediano fisicamente l'Ambasciata brasiliana a Tegucigalpa. Dall'altra i golpisti e i loro alleati più o meno occulti. Sono ore decisive. Per l'Honduras e per l'America Latina.All'Onu, intanto, dalla tribuna dell'Assemblea Generale, i governi si sono schierati. Oltre alle dichiarazioni in favore di Zelaya del Brasile, del Venezuela, dell'Uruguay, dell'Argentina ed altri ci sono le ambigue posizioni dei governi socialisti del Cile e della Spagna, che chiedono l'attuazione degli Accordi di San Josè o non meglio precisate azioni diplomatiche di mediazione. Come a dire che Micheletti se ne deve andare ma che bisogna tornare a prima di Zelaya. Questi governi, insieme a quello USA di Obama, non possono tollerare che un altro paese dell'area intraprenda azioni contro le multinazionali, contro il Fondo Monetario e si incammini sulla strada dell'anticapitalismo. Basti pensare al fatto che le misure "antigolpe" degli USA prevedono l'interruzione dei rapporti commerciali ma non, guarda caso, il funzionamento del fondo "per la democrazia" con il quale si finanziano tutt'ora i golpisti venezuelani. Ora si vedrà in cosa consiste il "cambio" di atteggiamento promesso dall'Amministrazione Obama nei confronti dell'America Latina.
Ciò che si è visto finora è esattamente il contrario di quello che molti illusi speravano.Nessuno può credere che l'esercito hondureño si muova senza che il governo Usa sappia e voglia. Solo degli inguaribili strabici possono far finta di non vedere il collegamento fra la recrudescenza della guerra civile in Colombia, le nuove sette basi militari Usa in quel paese e il nuovo dispiegamento della IV Flotta al largo delle coste brasiliane e venezuelane. Solo dei finti ingenui possono pensare davvero che tutto questo sia "lotta al narcotraffico".Si tratta del tentativo di destabilizzare permanentemente l'area, di trasformare la Colombia in una sorta di Israele della zona, e di indurre ogni governo Latino Americano alla "prudenza" nei confronti degli interessi sensibili delle multinazionali, degli USA e dei paesi europei. Chi sperava che Zelaya fosse neutralizzato con lo status di esule in Nicaragua o in un altro paese è servito!Chi sperava che fosse possibile coniugare la condanna del golpe alla subdola realizzazione degli obiettivi dei golpisti è servito!Il coraggio di Zelaya toglie spazio, oggi, a una dittatura militare o a una normalizzazione fondata sulla sua estromissione dal potere e un ritorno al sistema oligarchico mascherato da democrazia. Già nelle prime 48 ore di presenza presso l'Ambasciata brasiliana si recano da Zelaya esponenti della società civile e della politica hondureña, compresi emissari del governo golpista. A questi ultimi, che hanno proposto le dimissioni di Micheletti e la scelta concordata di un terzo presidente, Zelaya ha risposto: "Sarebbe un altro golpe! Ne hanno fatto uno e ne vogliono fare un altro!".Nelle prossime ore ci saranno sicuramente ulteriori sviluppi. Bisogna seguirli con attenzione. Questa partita non finirà con un pareggio. Se Zelaya tornerà al suo posto sarà un'inequivocabile vittoria popolare. Se non ci tornerà sarà la vittoria di chi vuole fare dell'Honduras il precedente per normalizzare tutto il continente americano. In mezzo non si può stare.

Liberazione 26/09/2009

Nessun commento: