1 ottobre 2009

In memoria di Poveda

Il fotografo e documentarista francese Christian Poveda, ucciso per il suo lavoro di denuncia in Salvador, ricordato attraverso il suo lavoro

Il 3 settembre scorso all'età di 54 anni veniva ucciso in El Salvador il noto fotoreporter francese Christian Poveda.

L'uomo da qualche tempo aveva terminato di realizzare il suo ultimo lavoro: un documentario sulle Maras, potenti e violente bande giovanili presenti nel piccolo paese centroamericano. Poveda da qualche anno aveva trasferito la sua residenza proprio a El Salvador. Il 30 settembre prossimo uscirà nelle sale cinematografiche francesi il suo ultimo lavoro, "La vida loca", un film documentario sulla quotidianità dei giovani appartenenti alla Maras 18 , la più famosa e pericolosa band del Paese. Poveda è stato ritrovato senza vita a bordo della sua auto in uno dei quartieri periferici della capitale salvdoreña. Evidenti sulla testa del fotoreporter i segni dei colpi di pistola che i killer hanno sparato. La polizia nel frattempo è riuscita a arrestare i presunti autori dell'omicidio. Si tratta di quattro persone, fra loro anche un agente della polizia locale. Secondo gli inquirenti l'omicidio sarebbe stato commissionato da Nelson Lazo Rivera un noto bosso della malavita rinchiuso da tempo nelle galere salvadoreñe. Un sito ne ricorda il lavoro. Anche PeaceReporter.

Nessun commento: