20 novembre 2012

Festa del Patrono - Santa Gertrudis

Trascrivo dal mio diario di bordo.
Una precisazione: Santa Gertrudis è l'aldea dove opero per la maggior parte del mio tempo. Una sorta di baraccopoli dimenticata dal commercio, dallo stato e dalla chiesa.
Tornato dalla messa a Santa Gertrudis. Siamo arrivati in tuc tuc e nela strada già c'era la processione. La piccola statua portata in spalla insolitamente da 4 donne. Molti bambini, molte donne, pochi uomini. Alcuni bambini mi vengono a fianco abbracciandomi. Di solito non lo fanno, in particolare i maschietti. Invece oggi si, mi abbracciano e non mi mollano mentre camminiamo.
4 o 5 musici facevano da banda. A chiudere il piccolo corteo un camioncino che piazzava della musica che copriva la "banda". Tutti, comunque, ubbidienti alla legge del più forte, pronti a cedere il passo alle mitraglie e ai mortaretti che aprivano il passaggio alla processione.
Legge del più forte dicevo? Già! ...E allora tutti fermi che un tir della Chiquita deve passare. Non può aspettare due minuti. Pare fatto apposta per farmi incazzare.
Poi si arriva alla scuola, addobbata. Il parroco non c'è. Anche oggi avrà avuto di meglio da fare che non stare con gli ultimi della sua parrocchia.
Mi chiedo cosa possa intendere questa gente delle preghiere che si recitano una volta l'anno. Sicuramente i bambini che si sono accalcati attorno a me non colgono nulla della messa. Soprattutto keier che si supera estraendo una pistola giocattolo durante la comuniione, puntandola verso il prete.
L'alcalde ha offerto i fuochi d'artificio e la gente gradisce. Unico problema è che li sparano bassi bassi. Sembra sia l'unico a preoccuparmene. Nonostante tutto, gradisco anche io!
Le mamme e i bambini sono stati molto affettuosi. Anche al segno della pace molte venivano da me, alcune donne solo perché ero bianco. Ancora non ho capito come cavolo si deve fare qua a salutare o a dare il segno della pace. Alcune toccavano il gomito, altre davano la mano, altre l'avanbraccio, altre abbraccio, altre bacio... mbah!
Sicuramente sono più a mio agio con questi bambini e le loro famiglie che in ogni altro luogo del Guatemala.

Nessun commento: