27 gennaio 2011

La Pavia dei piccoli in 400 cartoline

Verde, giochi e pulizia i desideri raccolti a scuola

PAVIA. Una città più verde. Un fiume dove poter giocare. Una città più pulita e più ecologica. Strade in cui camminare sicuri. E poi un posto dove stare tutti insieme, d’inverno. Sono i desideri di oltre quattrocento bambini di Pavia da zero a 12 anni recapitati sotto forma di cartoline disegnate durante il Bambinfestival dell’anno scorso, sono state consegnate dai rappresentanti delle 46 associazioni della rete, al sindaco e l’assessore all’istruzione Rodolfo Faldini.
Ed è stata lanciata l’idea di creare una mappa di tutto quello che, per i piccoli, già esiste a Pavia: associazioni, laboratori, percorsi sicuri, eventi in tempo per il prossimo festival dal 20 al 29 maggio.
Adotta un parco. I bambini chiedono parchi in ordine e giochi. «Vogliamo coinvolgerli con i genitori: proporremo l’adozione di un parco alla gente che lo usa ha spiegato Maria Piccio, Csv. «Un ottimo progetto», afferma il sindaco. Che garantisce che per il 2011 resterà attiva la task force per il verde, e propone che, invece di una miriade di spazi, si concentri l’azione su alcuni giardinetti di riferimento per ogni quartiere.
Il fiume. I bimbi vogliono giocare sul fiume, pescare, andare in barca. «La valorizzazione del fiume è tra gli obiettivi del mio mandato - spiega Cattaneo -. Quest’anno avremo a disposizione 600mila euro per sistemare la ciclopedonale dall’idroscalo alla Sora. A Ticinello vorremmo un’area attrezzata, ma dobbiamo confrontarci con il Parco del Ticino».
Città ecologica. Pavia pulita e con meno rifiuti è la richiesta. «La differenziata e il nuovo piano Asm vanno in questa direzione - risponde Cattaneo -. Ma ci vuole l’impegno dei cittadini». E poi ci sarà «Pavia città pulita» in cui grandi e piccoli saranno protagonisti di «battute di caccia» ai rifiuti. A scuola a piedi, ma sicuri. Percorsi in cui camminare senza paura di macchine e bici, riappropriarsi della strada come spazio sopciale. «Iniziamo con il pedibus», risponde il sindaco. Stare insieme d’inverno. «Ci sono venti sale comunali a condizioni agevolate per giovani e giovanissimi», risponde il sindaco. (anna ghezzi)

la provincia pavese, 25 gennaio 2011

Nessun commento: