7 giugno 2010

Ma adesso occorre uno sforzo massimo e straordinario da parte di tutti.


Da parte di tutti quelli che ci conoscono e che in varie occasioni ci sono stati vicini.
Da parte di chi non si rassegna e non si da per vinto, nella convinzione che quello che accade in posti come il Guatemala sia un problema di tutti.
Da parte di chi pensa che le sofferenze dei poveri non siano meno importanti quando accadono in paesi lontani.
Da parte di quelli che non accettano che la nostra informazione dedichi così poco spazio a tragedie immani, ma che non riguardano il “nostro” cosiddetto primo mondo.
Da parte di chi prende atto che mettere mano al portafoglio e per un giorno rinunciare a qualcosina del proprio benessere può essere di grande aiuto a coloro che sono in questo momento colpiti e a quei soggetti (come la nostra piccola Associazione) che si adoperano per la ricostruzione materiale e sociale di quelle zone.


E quindi lancio un appello, veramente accorato, a tutti i destinatari di questo scritto, con la preghiera di diffonderlo ovunque, affinché ognuno si attivi per la raccolta straordinaria di fondi, che si trasformeranno sia in aiuti mirati alle popolazioni delle aree più danneggiate, sia nel sostegno “ordinario” (che non deve interrompersi, pena la perdita di efficacia del lavoro di anni) alle realtà che da sempre aiutiamo a vivere e a crescere.


Vi ringrazio

Pippo Tadolini
Presidente di “Amici di Rekko 7” (Onlus)
di Ravenna



Per le informazioni realtive alle conseguenze dell’uragano Agatha e all’eruzione del vulcano Pacaya, vi consiglio di dare un’occhiata al sito guatemalteco http://www.prensalibre.com/ dei giorni 28, 29, 30, 31 maggio e 1, 2, 3, 4, 5 giugno

Ricordo che i nostri conti correnti, da utilizzare per le donazioni sono

Banca Popolare di Ravenna
IBAN IT93 G 05640 13100 000000020228

Banca di Credito Cooperativo
Filiale 31 di San Pancrazio
IBAN IT62 X 08542 67591 031000147637

Entrambi intestati ad “AMICI di REKKO 7”

e che i versamenti per donazioni saranno deducibili al momento della prossima denuncia dei redditi.

Nessun commento: