24 febbraio 2013

Cittadinanza e Costituzione, 1.800 studenti a lezione di “partecipazione”

Una settimana di laboratori presso la Casa del Giovane

Una settimana di “educazione civica”. Da lunedì 18 a venerdì 22 febbraio presso la Casa del Giovane di Pavia si è tenuta l’edizione 2013 dell’iniziativa “Cittadinanza e Costituzione”, appuntamento divenuto ormai fisso nel calendario delle scuole superiori di Pavia e del territorio teso a promuovere percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. Il progetto, giunto al terzo anno consecutivo, è promosso dall’Istituto “A.Volta” di Pavia con il patrocinio dell’Ufficio

Scolastico Territoriale e soprattutto conta sulla collaborazione di numerose associazioni e di tanti enti (6 in più rispetto all’anno scorso): Casa del Giovane, Acli, Ad Gentes, Ains, Associazione Babele Onlus, Banca Etica, Bottega Equo Solidale Cafe, Caritas, Centro Servizi Volontariato, Cicops Università di Pavia, Comitato Pavia- Asti Senegal, Comunità
S.Egidio, Consulta Provinciale degli Studenti, Gruppo Acquisto Solidale, Legambiente Pavia, Pax Christi. Sette giorni di laboratori organizzati nelle varie sale della Casa del Giovane per parlare di pace e non violenza, diversità e integrazione,
disagio e devianza, cooperazione internazionale, economia globale, costituzione. I percorsi, che si snodano attraverso
i valori della nostra Carta Costituzionale, sono gestiti in maniera autonoma dalle diverse associazioni ma con il comune obiettivo di stimolare gli studenti ad esercitare con maggior consapevolezza i diritti e i doveri della convivenza civile.
Assistere a un’ora di laboratorio denota quanto i ragazzi abbiano la necessità di conoscere questi temi e soprattutto
confrontarsi con i docenti presenti; le mani si alzano, si parla del perché tagliare i fondi all’istruzione, di come evitare gli sprechi, si parla di scelte, emergono dubbi ma anche considerazioni lucide ed intelligenti. Insomma un confronto attivo
e partecipato, ciò che gli organizzatori desideravano: mettere in pratica la cittadinanza attiva impegnandosi in prima persona, informandosi, scambiando opinioni nel rispetto di sé e degli altri. E anche i numeri confermano la bontà dell’iniziativa come spiega l’anima del progetto, il prof. Piero Penasa: “Abbiamo 1.800 studenti iscritti accompagnati da 100 insegnanti, abbiamo organizzato 216 laboratori. Anche quest’anno le iscrizioni tenutesi a fine ottobre 2012 hanno fatto registrare il tutto esaurito a testimonianza della validità di questo percorso. Se avessimo avuto altri spazi saremmo
arrivati a 5 mila iscritti”. Gli istituti coinvolti sono per Pavia città il Liceo Foscolo, il Liceo Cairoli, il Liceo Copernico, l’Istituto Volta, l’Ipsia, le medie dell’Istituto Canossiano, sul territorio le scuole medie di Bressana e il Liceo Foscolo di Vigevano. Nel corso della settimana di laboratori i ragazzi hanno partecipato ai singoli incontri e, al termine di ogni mattinata, anche a un momento conclusivo comune; giovedì 21 i partecipanti hanno incontrato anche il provveditore Giuseppe Bonelli. A marzo si terrà un’ulteriore iniziativa per chiudere “in bellezza” la terza edizione del progetto, dal 6 all’8 marzo infatti si terranno lezioni e laboratori anche per gli studenti di terza media.

Matteo Ranzini

IL TICINO, 22 febbraio 2013

Nessun commento: