25 dicembre 2010

El Poshte: intervista ad Alvaro Aguilar Aldana

Registrazione dell'8 ottobre 2010

Da El Rancho si sale per le montagne percorrendo una strada sterrata in condizioni pessime e dopo otto chilometri si arriva all’aldea El Poshte. È una piccola aldea dove non vi è elettricità e acqua potabile. Il pozzo, a cui le dodici famiglie che compongono l’aldea prelevano l’acqua che bevono e usano a scopi prevalentemente non alimentari (fare il bucato, irrigare, usi non domestici in generale ecc. ecc.) è protetto da una recinzione metallica ed è l’unico del villaggio. Arriviamo per controllare il progetto di costruzione di un salone scolastico che Alvaro, il nostro referente collaboratore in Guatemala, ci aveva inviato qualche mese fa e per le riprese che Filippo e Nicola faranno per il documentario con i bambini. Facciamo ad Alvaro alcune domande per capire meglio il perché di un progetto di costruzione di un'aula scolastica.

Ains: Come sei venuto a conoscenza di questa realtà?
Alvaro: “ Ho conosciuto l’aldea perché una mattina si sono presentati all’officina di C.F.C.A.
( Fundaciòn Cristiana para Ninos y Ancianos) per cui lavoro a El Rancho, due uomini dell’aldea per chiedermi se potevamo aiutarli, come fondazione, acquistando un quintale di fagioli. Ho parlato con loro facendomi spiegare chi erano e dove vivevano. Sono venuto così a conoscenza della loro realtà
”.

Ains: Non la conoscevi, nonostante sia a pochi chilometri da El Rancho.
Alvaro: “ No, anche perché la zona intorno (indica, girandosi, con la mano la zona montagnosa che si vede all’orizzonte) è molto vasta. Conosco diverse aldee ma in questa non ci ero mai andato. Anche perché è composta da poche famiglie, dodici, e le case non sono raggruppate ma abbastanza distanti tra di loro ”.

Ains: I due signori chi erano?
Alvaro: “ Rappresentanti del villaggio. Normalmente ogni villaggio ha uno o più persone che rappresentano la comunità a cui gli altri delegano la rappresentanza e quando occorre andare a parlare con gli amministratori del municipio. El Poshte è nel municipio di San Agustin. All’interno di molti villaggi, chi lo rappresenta è anche il responsabile del posto di salute, se il villaggio è grande. Normalmente è chi è a conoscenza delle prime nozioni di pronto intervento e custodisce i farmaci di prima necessità. Questo perché in molti villaggi sperduti tra le montagne non vi è assolutamente la possibilità di avere un medico e non vi è nemmeno la possibilità di arrivare in macchina in brevissimo tempo al primo ospedale o alla clinica de El Rancho che è a soli otto chilometri. Oggi per arrivare all’aldea ci abbiamo impiegato mezz’ora o forse qualche minuto in più. Nel caso di El Poshte non c’è nessuno che ha l’autocarro. Si muovono a piedi ”.

Ains: Quindi sei andato ad incontrarli
Alvaro: “ Si, sono salito all’aldea per conoscere la realtà in cui vivono e che mi avevano raccontato. Ho fatto una riunione con i padri di famiglia e gli anziani del villaggio e ho iniziato a raccogliere informazioni ”.

Ains: Come vivono in questa aldea
Alvaro: “ Quasi tutti coltivano la terra. Due padri di famiglia fanno i custodi notturni a El Rancho. La situazione in cui vivono, quest’anno è stata molto critica causa la siccità che ha colpito il villaggio. La terra non ha dato il raccolto sperato e per questo motivo sono stati costretti a vendere l’eccedenza di fagioli per avere denaro necessario per acquistare altri prodotti di prima necessità ”.

Ains: Nonostante questo ti hanno chiesto di aiutarli a costruire un salone scolastico
Alvaro: “ I bambini in età scolare sono venti. Tutte le mattine percorrevano due ore a piedi tra le montagne per raggiungere la scuola nell’aldea di Aguahiel. Accompagnati da una donna partivano alle sei per arrivare alle otto e poi il ritorno a casa verso le due,due e mezza del pomeriggio. L’impressione che ho avuto, parlando con gli uomini del villaggio, è stata positiva: persone umili con una gran voglia di lavorare. Mi hanno raccontato che avevano avuto contatti con il responsabile dipartimentale dell’istruzione per avere un maestro nell’aldea. Maestro che non è mai stato mandato in quanto non vi era una costruzione adatta ad uso scolastico. L’unica costruzione che potevano garantire era un tetto in lamiera, che avevano, sorretto da quattro pali di legno. Ma era chiaramente improponibile per cui i bambini andavano ad Aguahiel. Il progetto è nato così. Parlando con i padri di famiglia ”.

Nessun commento: