8 novembre 2010

Le quattro donne dell’Aldea di Conacaste


Il microcredito sta diventando la strada da percorrere se si vuole sostenere la gente guatemalteca con cui noi collaboriamo da 12 anni, aiutandola a costruirsi un futuro in autonomia senza dover dipendere da aiuti esterni che a lungo andare creano assistenzialismo.
Il Guatemala è un Paese che vive quotidianamente situazioni di precarietà politica e sociale però, credendoci, si stanno creando tante realtà positive che consentono alla gente di guardare ad un futuro di speranza.
Una di queste è rappresentata dalle quattro donne dell’Aldea di Conacaste, un'aldea vicino a El Rancho che usufruendo del microcredito iniziarono la loro attività commerciale con un piccolo allevamento di polli e oggi sono state in grado di restituire il prestito richiedendo un altro microcredito per estendere l’allevamento anche ai maiali.
Ora trattengono per sé cinque euro al giorno con cui si pagano la giornata lavorativa e in sedici mesi hanno messo da parte 50.000 quetzal, che sono cinquemila euro (una cifra enorme) producendo e commerciando shampoo.

Nessun commento: